flazio_logo_home
comecreare-un-sito-per-aziende

Blog

24/03/2017, 17:30



PMI,-Professionisti:-chi-è-il-più-bravo-sui-siti-fai-da-te?-[Infografica]


 PMI, Professionisti: chi è il più bravo sui siti fai da te? Una piccola gara tutta italiana all’ultima pagina web, con Infografica



Si parla da tempo del gap digitale che separa l’Italia dal resto dell’Europa.  Pochi giorni fa l’UE ha diramato gli ultimi valori del rapporto DESI (Digital Economy and Society Index) che misura l’impatto digitale nell’economia dei paesi europei: l’Italia è (tristemente) risultata quart’ultima, meglio solo di Grecia, Bulgaria e Romania (fonte Il Sole 24 Ore).


Il quadro sembrerebbe sconfortante, ma un po’ di speranza lo restituiscono quelle tecnologie che riescono a semplificare il lavoro quotidiano di piccole imprese e professionisti: Flazio è un esempio virtuoso, 100% italiano, di come sia possibile far avvicinare queste figure scarsamente digitalizzate ad ambiti dove si è da sempre vissuto in un regime di tecnocrazia dove l’utilizzatore medio viene tagliato fuori, o messo di fronte a scelte molto costose. 


Flazio conta oggi più di 250,000 siti fai da te e rappresenta un unicum in Italia capace di lanciare il concetto che chiunque possa essere in grado di realizzare una propria presenza in rete di qualità, senza dover ricorrere alla programmazione.


Dal suo nutrito database italiano, Flazio ha estratto una serie di statistiche curiose, creando una piccola competizione tra categorie professionali e settori d’impresa.


La "sfida" tecnologica si basa su una serie di domande:

- Quali sono i settori che maggiormente ricorrono alla tecnologia fai da te?

- Con quante risorse viene "riempito" il sito? Quanto testo? Quanta grafica?

- Quanto spesso vengono aggiornati i siti?


Flazio svela quali sono i professionisti che maggiormente utilizzano il fai da te: fotografi, architetti, dentisti, ingegneri, commercialisti e avvocati.


Per quanto riguarda le piccole imprese maggiormente presenti si trovano invece i settori della ristorazione, turismo, immobiliare, salute e bellezza, moda e farmacia.


Testi e immagini presenti sui siti sono importantissimi per due motivi: da un lato aiutano i visitatori a catturare al meglio l’importanza di un business, e al tempo stesso servono a informare, aggiornare e anche a intrattenere il proprio pubblico. Si aggiunge, cosa da non sottovalutare, che sono fattori di notevole importanza per il posizionamento sui motori di ricerca.


Per quanto riguarda l’uso dei testi i più comunicativi tra i professionisti risultano gli architetti con una media da 10486 parole a sito, seguiti dagli ingegneri con 9709 parole, i dentisti con 9115. Fanalino di coda i fotografi con 3213 parole.


Tra le imprese invece i siti più "prolissi" risultano quelli del settore farmacia con 8639 parole e le attività legate al mondo della salute e bellezza con 6428 parole. Scrivono molto poco i ristoranti con appena 2064 parole.


Continuiamo con la parte grafica: come ci aspetteremmo i fotografi dominano la categoria con tantissimi scatti e una media di 673 immagini a sito. A grande distanza si trovano architetti e dentisti rispettivamente con 332 e 157 immagini. Per le piccole imprese si distinguono quelle del settore moda (che utilizzano l’immediatezza delle foto per mostrare tutto il loro campionario di vendita) con 362 foto. All’ultimo posto commercialisti e avvocati con 61 e 52 foto per sito.


Il confronto è stato fatto anche su un altro parametro molto importante: quanto spesso vengono aggiornati i siti? L’aggiornamento, oltre a dare l’idea di continuità al business (pessima idea lasciare il sito abbandonato a se stesso) è un fattore che gioca un ruolo fondamentale anche sul posizionamento dei siti, in quanto visto di buon occhio da Google e gli altri motori di ricerca.


In questo caso al primo posto troviamo i siti del settore moda con una media superiore a 7 modifiche al mese. L’ultimo posto va al settore "salute e bellezza"che conta appena un paio di modifiche l’anno.


Questa sfida rappresenta, oltre a un modo divertente di comprendere l’utilizzo del fai da te in Italia, anche un’occasione per migliorarsi. Il futuro digitale italiano, in generale, dà l’impressione di una maggiore disponibilità di aziende e professionisti, che risultano progressivamente sempre meno restie ad approcciarsi al digitale.

Alla prossima sfida!



1

Le Ultime News Inserite

PMI, Professionisti: chi è il più bravo sui siti fai da te? [Infografica]

24/03/2017, 17:30

PMI,-Professionisti:-chi-è-il-più-bravo-sui-siti-fai-da-te?-[Infografica]

PMI, Professionisti: chi è il più bravo sui siti fai da te? Una piccola gara tutta italiana all’ultima pagina web, con Infografica

comecreare-un-sito-per-aziende

Pronto a creare il

tuo sito web oggi stesso?

Creare un sito web con Flazio è semplicissimo: scegli uno dei nostri modelli e aggiungi i testi, le tue immagini e tutti i tuoi contenuti. Potrai personalizzare ogni aspetto grafico del sito, spostare, aggiungere ed eliminare gli elementi e aggiornarli ogni volta che vorrai.
P.I. 05021040877  |  FLAZIO.COM @ ALL RIGHT RESERVED 2016
CREAILSITOINTERNET-FLAZIO
Seguici su:

facebook
twitter
gplus
youtube
Creare il tuo fantastico Sito Web
è gratis, facile e veloce.
Per ulteriori informazioni, contattaci:

support@flazio.com
P.I. 05021040877  |  FLAZIO.COM @ ALL RIGHT RESERVED 2017
Create a website