flazio_logo_home
flazio_logo_home
flazio_logo_home

SUPPORT

PRODUCT

SITEBUILDER

SUPPORT

SITEBUILDER

PRODUCT

{

Create a beautiful website:
it's free, fast and easy.

Create a beautiful website:
it's free, fast and easy.

Blog


facebook
twitter
gplus
youtube

facebook
twitter
gplus
youtube
For more information, contact:
support@flazio.com
For more information, contact:
support@flazio.com
P.I. 05021040877  |  FLAZIO.COM © ALL RIGHTS RESERVED 2018
ponloghi
ponloghi
19/12/2013, 14:19

web,marketing,flazio,seo,parole chiave, inbound marketing



Come-farti-trovare-dal-cliente-sul-web?-Ci-pensano-inbound-marketing-e-SEO


 Gli scenari in internet sono cambiati e farsi trovare dal cliente non è meno importante che farsi trovare da lui. La strategia giusta oggi si chiama “Inbound marketing” che, insieme a un buon uso del





Gli scenari in internet sono cambiati e farsi trovare dal cliente non è meno importante che farsi trovare da lui. La strategia giusta oggi si chiama “Inbound marketing” che, insieme a un buon uso della SEO, permette di essere visibili e raggiungibili dai clienti in quell’universo senza fine che è il web. 

Come? Hummingbird – ultimo algoritmo introdotto da Google – e Penguin hanno cambiato le regole del gioco e se prima l’inserimento di link e keyword strategiche era il primo obiettivo per gli specialisti SEO, oggi è la qualità che traina i contenuti sul web ed è a questa che occorre puntare. 

Il contenuto di qualità è premiato nelle ricerche sul web e Google – oggi più di ieri indiscusso canale di diffusione e promozione dell’informazione – lo indicizza meglio, incrementando la probabilità di ottenere impression, click, conversioni e monetizzare il proprio business sul web. Quattro i consigli che Krystian Wlodarczyk - esperto SEO - ha pubblicato su Positionly per suggerire la migliore strategia di inbound marketing da adottare per rendere il proprio business appetibile online. 

Eccoli: 

#1 - Scrivere contenuti mirati e di valore

Conoscere i principi della scrittura creativa è fondamentale per creare contenuti di qualità in rete. Verificare l’originalità del contenuto, la correttezza e accuratezza dell’informazione, rivedere la forma e affinare lo stile: sono solo alcuni aspetti imprescindibili per pubblicare un contenuto sul web che sia di valore. nSapere a chi ci si vuole rivolgere è un altro principio essenziale prima di iniziare a scrivere. Che sia la pagina di un blog o una newsletter aziendale, occorre conoscere la proprio audience, perché da questo dipenderanno il tono e lo stile del messaggio. Un messaggio corretto rivolto al pubblico sbagliato equivale a un fallimento. Attenzione quindi al contenuto, sì, ma anche a chi è rivolto.

#2 – Fate trovare il vostro contenuto

La ricerca delle migliori parole chiave con cui posizionarsi in rete è un passo fondamentale. Vanno scelte con cura perché costituiscono il contatto con il vostro target, ciò per cui sarete cercati e trovati, così come – se scelte male – ciò per cui resterete assolutamente invisibili.
La scelta delle giuste parole chiave va abbinata alla originalità e creatività dei contenuti che produrrete. La stessa informazione si può dare in modi diversi e Google penalizza chi ricorre al copia-incolla: brutto da vedersi e scorretto da farsi.
Rieditare i contenuti, quindi, e non “rubarli” agli altri: principio da tenere a mente se non si vuole finire nel libro nero della SERP (acronimo che identifica i risultati di una ricerca sui motori online).

#3 – Scegliete il canale giusto per diffondere i contenuti

Che sia Facebook o Twitter, Pinterest o Linkedin, Google o un blog, il contenuto va veicolato attraverso il canale più appropriato, sia in termini di pubblico a cui ci si vuole rivolgere, sia in termini di tipologia di contenuti che lo specifico canale è destinato a ospitare.
Se oggi Facebook penalizza i contenuti e in breve tempo non rappresenterà più una piattaforma vincente per promuovere un post o un contenuto fotografico che fungano da “civetta” per il vostro business, Twitter è ancora il presente, Google Plus è il futuro. 

 #4 – I dati raccolti vanno analizzati

Dopo aver sviluppato una strategia di inbound marketing occorre capire se funziona. Analizzare i dati è il passo essenziale per capire se si sta andando nella giusta direzione o si deve correggere la rotta.
Le visite giornaliere, la frequenza di rimbalzo e il tempo di navigazione sul sito sono dati importanti. Quando sono bassi non devono scoraggiare: cogliete l’opportunità per migliorarvi.


1

Last News

{

Are you ready to create

your website today?

Create a website with Flazio is very simple: choose one of our templates and add your text, your images and all your content. You will be able to customize every graphic aspect of the site, move, add, and delete items and update them whenever you want.
Create a website